PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

L'uomo è nato per vivere, non per prepararsi a vivere (Boris Pasternak).

Related Posts with Thumbnails

SUL VERBALE DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI "DA METTERE IN RETE" si registra una "LETTERA APERTA" del dott. Eugenio Bonomo all'on. Mario Bonomo e al consigliere comunale Alessandro Biamonte
Nel ringraziare Salvo Maccarrone per la tempestività con cui, mentre ero fuori sede e impossibilitato a scrivere una mail, dietro mia preghiera telefonica, ha provveduto a rettificare la lettera che gli ho inviato ieri sera 08/06/2010 intorno alle ore 21.00, sento il bisogno di esternare alcune considerazioni che permetteranno di capire le motivazioni che sono state alla base della mia precedente ironica, quanto inopportuna, lettera.


La stessa essenza di uomini è premessa sufficiente per l’errore ed io non mi sono sottratto a questa crudele regola facendo ironia su uno dei pochissimi appartenenti al mondo della politica che veramente ha dimostrato di operare nell’interesse dei Cittadini. Mi riferisco al giovane ma preparato Dott. Biamonte al quale rinnovo le scuse per gli effetti di un gesto istintivo dettato dalla rabbia ma, soprattutto da una distorta, disordinata e inutilmente caotica informazione.

Sento forte il dovere di spiegare a tutti coloro i quali hanno letto e, in vario modo, interpetrato la mia lettera a Maccarrone, quali ne sono stati gli antecedenti causali.Ieri 08/06/2010, avendo appreso da fonte attendibile che era stato emesso il verbale della conferenza dei servizi sul rigassificatore, alle ore 16,28 avendo avuto da un Collega il n. di cellulare dell’On. Bonomo, gli ho telefonato per informarlo di quanto avevo saputo e gli ho chiesto se avesse modo di procurarsi il documento.

L’On. Bonomo, ridendo mi ha risposto che stava consegnando il documento al Dott. Biamonte perché lo mettesse in rete (anzi, per riportare le esatte parole, mi fu detto: “E tu pensavi che non avrei seguito la cosa fino in fondo ? Il verbale lo sto dando ad Alessandro Biamonte per metterlo in rete; fattelo dare da lui”).

Ho ringraziato e salutato senza badare a chiedere il n. di tel. del Dott. Biamonte (che non ho mai avuto fino ad oggi pomeriggio). Volevo richiamare per farmelo dare ma poi ho pensato che potevo evitare di disturbare ulteriormente, in quanto qualcuno degli amici di Priolo sicuramente avrebbe saputo rintracciarlo.

Così ho chiamato, nell’ordine: Salvo Maccarrone, Luciano Gianni, Francesca Pedalino, e, per ultima, Mara Nicotra (pensai che in qualità di giornalista potesse averlo).Se in un primo momento nessuno riuscì a rintracciarlo, è immaginabile la successiva pioggia di monotematiche telefonate abbattutasi sul povero Alessandro.

Mentre l’Arch. Pedalino mi informava che aveva contattato il Dr. Biamonte ma che le era stato negato l’accesso al documento, mi recavo a casa della Dott.ssa Nicotra perché, nel frattempo, il Sig. Andolina mi aveva telefonato dicendomi che potevo andare insieme alla Dott.ssa Nicotra presso il nipote dell’On. Bonomo, il quale ci avrebbe consegnato il documento.

Giunto dalla Dott.ssa Nicotra, ella mi disse che era inutile andare a Siracusa perché Arturo (il Sig. Andolina) l’aveva, frattanto, avvisata che il documento, in un primo tempo concessogli, gli era stato poi negato; aggiungeva anzi che aveva parlato con l’On. Bonomo il quale, a un certo punto gli aveva detto: “Se proprio lo vuoi stasera, vienitelo a prendere, io e Biamonte siamo qui a Palermo!”.

A questo punto la Dott.ssa Nicotra mi faceva notare che poco prima aveva parlato con Biamonte ed aveva capito che si trovava a Siracusa presso la segreteria dell’On. Bonomo.Infine, in mia presenza, avveniva una ennesima comunicazione telefonica col Dott. Biamonte, a conclusione della quale la Dott.ssa Nicotra mi confermava che i due (Biamonte e Bonomo) si trovavano a Siracusa e non a Palermo, come era stato detto ad Arturo Andolina, e che per il documento non c’era nulla da fare fino all’indomani (il perché non fu detto).

Come sarebbe successo a qualsiasi altro comune mortale, la mia instabilità emotiva fu enormemente sollecitata (dialettalmente si parla di incazzamento), soprattutto perché non riuscii a capire il motivo di tanto mistero e di tante versioni discordanti (vieni che te lo do, sono a Palermo; sono a Siracusa, non venire che tanto non te lo do, e così via…).

L’acme di suddetta instabilità emotiva fu la lettera a Maccarrone che, per sicurezza, ho riletto e, pur rendendomi conto dell’assoluta sua inopportunità, non ho ravvisato neanche un insulto o un’ingiuria nei confronti dell’On. Bonomo, mentre, ammetto, c’era molta ironia sul Dott. Biamonte che, ripeto, non la merita affatto, e del quale mi onoro di essere amico.

Finalmente oggi alle ore 14,30 circa, mentre mi trovavo ad un corso a Palermo, sentendomi telefonicamente con la Dott.ssa Nicotra, ho appreso che l’On. Bonomo NON POTEVA divulgare un documento avuto solo a fini istituzionali, se non prima autorizzato dall’ Assessorato.

Più tardi sono andato a trovare il Dott. Biamonte il quale mi ha spiegato che quando l’On. Bonomo disse che gli avrebbe dato il documento per metterlo in internet, non aveva ancora riflettuto sul fatto che la divulgazione dello stesso avrebbe potuto non essere legittima. Ecco perché, dopo, il documento fu negato a tutti.

Ciò non fa altro che confermare la mia stima nel mio illustre omonimo che, ancora una volta, si rivela persona leale, onesta e retta.L’intera vicenda, però, fa anche trasudare prepotentemente la legittimità della mia “instabilità emotiva” e il conseguente gesto di rabbia (la lettera a Maccarrone) che se non trova giustificazione in quanto esperito da un essere umano (presumibilmente pensante), trova, però, infiniti motivi di comprensione da parte di altri appartenenti al genere umano e pertanto anch’essi soggetti ad episodi di “instabilità emotiva acuta”.

In buona sostanza, sarebbe bastato che alle ore 16,28 del 08/06/2010 lo stimatissimo e rispettatissimo On. Bonomo, al quale rinnovo la mia gratitudine per quanto fa per la comunità, mi avesse detto che non poteva darmi o farmi leggere il documento (anzichè annunciarmi la sua imminente immissione in rete), perché io passassi direttamente ai distinti (anzi affettuosi) saluti, senza nulla chiedere o obiettare, data l’immensa fiducia che da quando lo conosco ripongo in lui, pur essendo di diverso credo politico (che amo tenere per me).

Altra possibilità sarebbe stata quella che, al piovere di un diluvio di telefonate sul povero Biamonte, dal momento che non potevo essere stato che io ad avvertire quella moltitudine di persone in ansia, l’On. Bonomo (che, per forza di cose aveva sul suo cellulare il mio numero, per via della recentissima chiamata) mi telefonasse e mi dicesse perfino che non era possibile e basta, senza spiegazioni (alle quali non credo avessi alcun diritto) perché io mi fermassi fino a ulteriori notizie da parte sua.

Ma nulla di ciò accadde e la mia instabilità emotiva esplose.Non posso che chiedere ancora scusa allo stimatissimo Dott. Biamonte per aver, anche se per poco e con dovuta successiva rettifica, obnubilato la Sua pregevole immagine.

Non posso che chiedere scusa all’On. Bonomo se ha ravvisato, nel mio scritto, allusioni alla Sua persona, cosa che è lontana mille miglia dalla realtà, e questo solo perché è la verità e non certo perché tema qualcosa da chicchessia, perché oltre al difetto dell’impulsività ho anche quello di non avere paura di niente e di nessuno, soprattutto quando nulla ho commesso o inteso commettere.

Quello che sento di fare ancora una volta, invece, è ringraziare l’On. Bonomo come anche gli On. Gianni e Vinciullo che hanno dato una nuova svolta alla storia della politica sul pianeta terra essendosi con loro verificato un fenomeno mai prima d’ora osservato: dei politici che lottano al fianco e nell’interesse dei Cittadini.Grazie di cuore.

Eugenio Bonomo
Melilli  09/06/2010  ore 23.14


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008