PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

Gli artisti usano le parole per scoprire la verità, mentre i politici per coprire la verità.

Related Posts with Thumbnails

Agrigento, Legambiente e WWF non vollero il depuratore? Condannate dalla Cassazione.
Fine ingloriosa del processo del depuratore.


Che va avanti dal 1992, innescato dall’esposto di Legambiente e dalle truculente accuse del consigliere comunale Giuseppe Arnone a Piero Macedonio e ad altri componenti della Giunta comunale, rei di avere approvato il trasferimento dell’opera al Comune e assunto l’impegno di completarla con le somme dell’Agensud, all’ingegnere capo Butticè Francesco ed ai Diretti dei lavori Rizzo Vincenzo e Platamone Giovanbattista e al titolare della ditta appaltatrice Vincenzo Costanza.
Un processo che si trascina da circa vent’anni, metastatizzatosi in oltre 15.000.000 di pagine, in quattro sentenze, in numerose perizie, che hanno via via dimostrato l’inconsistenza delle accuse che la locale Procura aveva bellamente mutuato dalle strumentali propalazioni dell’esponente di Legambiente e che ora attende di essere concluso da una nuova sentenza della Corte di Appello di Palermo, cui la Cassazione l’ha rimandato dopo avere annullato la residua condanna dei due direttori dei Lavori, ingg. Rizzo e Platamone, essendo stati in precedenza assolti oltre che gli amministratori comunali anche l’imprenditore Costanza, l’ing. Piero Hamel e il sen. Calogero Sodano.
Quanto è costato allo Stato e quanto ancora dovrà sborsare il Comune per spese processuali è scandaloso, e altrettanto lo è il fatto che Agrigento è stata privata del depuratore della fascia costiera consentendo che i liquami non trattati vengano sversati in mare, con gravissimo pericolo per la salute dei bagnanti.
La sentenza della cassazione finalmente fa giustizia di tanti luoghi comuni e fornisce la prova inconfutabile della illogicità e pretestuosità dell’intera vicenda giudiziaria, confermando implicitamente che Legambiente ed il suo patron locale hanno scientemente stravolto la verità dei fatti e raggirato i cittadini.
La sentenza della sesta sezione della cassazione che ha condannato legambiente ed il wwff al pagamento delle spese in favore dei ricorrenti ed al versamento di una ammenda verrà trasmessa alla Camera penale per darne conoscenza agli iscritti auspicando che in avvenire non si ripeta nulla di così grottesco.
Vi è in Prefettura un nuovo Rappresentante del Governo che manifesta fattività e ragionevolezza e punta a smuovere e galvanizzare sia le amministrazioni locali che l’imprenditoria locale.
In Tribunale ed in Procura vi è una nuova leva di magistrati che sanno ben discernere e sapranno tutelarci rendendosi impermeabili alle insistenti pressioni ed alle partigianerie politiche di noti giustizialisti a senso unico.
Al Comune ed alla Provincia vi sono realtà politiche nuove che vorranno riprendere con la dovuta ragionevolezza il problema della messa in funzione depuratore che è un’opera essenziale per risanare subito il litorale e garantire la salute dei cittadini.
La stampa e le televisioni che hanno dato spazio e fiato alle insensate e sconcertanti accuse ed esibizioni di chi sul problema del depuratore si è fatto venire ogni volta il ballo di san Vito non possono ora ridurre e minimizzare la notizia della assoluzione oramai di tutti gli imputati di questo miserevole processo.

Avv. Enrico Quattrocchi.

http://www.wikio.it/article/62325048
26 giugno 2008


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008