PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

Vivi la vita così come puoi, perchè come vuoi non puoi. (Jim Morrison)

Related Posts with Thumbnails

Elezioni Politiche 2008 - E DOPO IL VOTO RIAPPAIONO I MILLE PROBLEMI CON CUI CONFRONTARSI
DOCUMENTI
Ad urne aperte, quando ancora non si conoscono i risultati elettorali, riteniamo opportuno segnalare, alla attenzione dei nostri lettori, due pregevoli articoli, di Luca Ricolfi e di Sergio Romano, che pongono "problemi strutturali" sui quali dovrà misurarsi, nei prossimi mesi, la classe politica italiana. Sul contenuto dei due editoriali citati, Sicilia Domani concorda pienamente. "DOPO IL VOTO, di Luca Ricolfi, pubblicato su La Stampa del 10 aprile u.s.

Salvo imprevisti, lunedì sapremo chi ha vinto le elezioni, sempre ammesso che ci sia un vincitore (potrebbe anche succedere che chi vince alla Camera, perda o pareggi al Senato). Ma c'è un'altra cosa di cui, a partire da martedì, verremo poco per volta informati, ed è lo stato effettivo dell'Italia. Solo allora, infatti, i partiti potranno alleggerire la pressione che li induce a rappresentare la situazione dell'Italia in modo tendenzioso, evasivo, parziale. E solo allora, finalmente, i vincitori saranno costretti a suddividere le rispettive promesse in due gruppi: quelle che si possono mantenere subito e quelle che, "vista la situazione", non si possono che spalmare lungo i cinque anni della legislatura.

Che cosa ci diranno, dunque? Quanto alla situazione, dopo aver sottolineato la gravità della congiuntura economica internazionale, credo non potranno esimersi dal rivelarci almeno tre cose strettamente italiane.

Primo: non c'è un euro.
E' vero, siamo rientrati nei parametri di Maastricht ma il deficit del 2008, previsto al 2,4% del Pil, rischia di salire pericolosamente verso il tetto del 3%. Rischia di risalire per l'effetto congiunto di spese non messe a bilancio (7 miliardi secondo una stima del Sole - 24 Ore) e di una crescita del Pil molto minore del previsto, se non addirittura nulla. In poche parole, non c'è alcun extragettito da distribuire né sottoforma di nuove spese né sotto forma di alleggerimenti fiscali.

Secondo: il numero delle famiglie in difficoltà è enorme (oltre 4,5 milioni su 24), ed è aumentato in modo drammatico negli ultimi 12 mesi.
Secondo l'Isae fra il primo trimestre del 2007 e il primo trimestre di quest'anno, ossia nel giro di un solo anno, il numero di famiglie che a fine mese sono costrette a ricorrere ai risparmi o a fare debiti è aumentato del 57% (non era mai successo dacché esiste l'indagine, ossia dal 1999).

Terzo: le carceri scoppiano.
A meno di due anni dall'indulto il numero di detenuti è tornato abbondantemente al di sopra della capienza regolamentare, senza che nulla di significativo sia stato fatto per evitare il ripetersi dell'emergenza dell'estate 2006: l'estate 2008 si profila turbolenta come quella di allora.
Di questo, più o meno, si ricorderanno i partiti dopo il voto.
Ma che conseguenze ne trarranno?

Ovviamente non lo so, ma provo a fare un'ipotesi, o forse un auspicio. Potrebbe succedere che, non potendo aumentare ulteriormente le entrate (cresciute di quasi 100 miliardi fra il 2005 e il 2007), ed essendo impossibile dismettere in poco tempo quote rilevanti del patrimonio pubblico, ci si decida finalmente a porre mano agli sprechi della Pubblica amministrazione.

Finché l'economia non riparte, è l'unico modo per trovare le risorse necessarie per mantenere almeno qualcuna delle innumerevoli promesse dei due schieramenti. La riduzione degli sprechi c'è nel programma di centro-destra, che pensa di tagliare ad un ritmo di circa 5 miliardi l'anno, e c'è nel programma del centro-sinistra, che pensa di tagliare ad un ritmo triplo (circa 15 miliardi l'anno). Il materiale su cui agire non manca, perché le stime più prudenti suggeriscono che le risorse "bruciate" dall'inefficienza della Pubblica amministrazione siano pari ad almeno 80 miliardi di euro l'anno, con tassi di spreco compresi - a seconda dei settori - fra il 15% e il 40% (secondo le stime dell'Osservatorio del Nord-Ovest: sanità 18%, scuola 25%, false pensioni di invalidità 32%, giustizia civile 35%).

Avranno i due partiti principali il coraggio di fare quel che va fatto? A giudicare da ciò che dicono i protagonisti, si direbbe che il centro-sinistra sia più ambizioso e determinato (vuol tagliare il triplo del centro-destra), ma il centro-destra sia maggiormente consapevole dell'enorme difficoltà del compito, ovvero delle resistenze che sindacati, corporazioni, lobby, categorie, gruppetti, singoli individui opporrebbero a un'azione di progressiva riduzione degli sprechi (non a caso Giulio Tremonti ha parlato della necessità di "abrogare il '68"). E' difficile prevedere che cosa effettivamente faranno il Pdl e il Pd, e se quel che faranno proveranno a farlo insieme o divisi.

Quel che sembra innegabile, tuttavia, è che - al momento - la riduzione della spesa pubblica è l'unica via attraverso la quale la politica può ritrovare i gradi di libertà che aspira ad avere. Si possono avere le idee più diverse sulla destinazione delle risorse così liberate. Alcuni pensano che la priorità siano le imprese, perché "solo così torneremo a crescere". Altri che la priorità siano le famiglie, perché troppe di esse sono entrate in povertà. Altri ancora che la priorità sia il nostro Stato sociale, che non è solo inefficiente ma è anche incompleto (mancano asili nido, ammortizzatori sociali, politiche per gli anziani e i non autosufficienti).

Ma su un punto non dovremmo avere più dubbi: con un debito di 1600 miliardi di euro e un'economia che è diventata la più lenta e inefficiente d'Europa, 80 miliardi l'anno di sprechi non possiamo più permetterceli." "UN DISEGNO NAZIONALE, di Sergio Romano, pubblicato sul Corriere della Sera del 13 aprile u.s. Sul Corriere di ieri Pierluigi Battista ha scritto che i due maggiori partiti dovrebbero smetterla di considerarsi nemici e imparare a trattarsi come pezzi complementari di uno stesso Paese.

Durante la campagna elettorale vi sono stati dapprima segnali positivi, poi, soprattutto negli ultimi giorni, qualche sgradevole ricaduta nei vizi della politica concepita come guerra fra nemici giurati e inconciliabili. Riprendo il filo degli argomenti di Battista e aggiungo qualche considerazione sui motivi per cui il Pd e il Pdl, quali che siano i risultati del voto, hanno in realtà un'agenda comune e dovrebbero comportarsi di conseguenza. Il primo punto all'ordine del giorno è l'emergenza istituzionale. Non è possibile che un Paese, ormai per molti aspetti federale, continui ad essere governato al centro da due Camere che fanno con estenuante lentezza le stesse cose e da un premier che non ha i poteri dei suoi colleghi europei.

Non è possibile che le Camere continuino a essere elette con una legge che favorisce la proliferazione di piccole formazioni politiche, costituite per gestire piccole fette di potere e destinate a sopravvivere soltanto a spese della coerenza e della efficienza dello Stato. Dopo 15 anni di tentativi falliti, sappiamo che nessuna riforma costituzionale e nessuna buona legge elettorale verranno adottate finché le piccole formazioni saranno in grado di ricattare in Parlamento i partiti maggiori delle rispettive coalizioni. Il Pd e il Pdl hanno quindi interessi comuni e avranno nella prossima legislatura, se non commetteranno l'errore di accentuare le proprie divergenze, l'occasione per fare insieme , in materia di riforme istituzionali e legge elettorale, ciò che nessuno dei due potrebbe fare da solo. Vi è stata in questi ultimi tempi un'evidente tendenza verso il bipartitismo.

Cerchino di usare la legislatura per consolidarla. Il secondo punto all'ordine del giorno è l'emergenza economica. Chi avrà il compito di governare l'Italia erediterà un Paese esangue, stagnante, privo di infrastrutture moderne, oberato da un'enorme spesa pubblica e da un'alta pressione fiscale, condannato a essere il ventre molle delle molte crisi (da quella dei mutui a quella dell'inflazione agro-alimentare) che si stanno abbattendo sull'economia mondiale.

Spero che il prossimo governo non perderà il suo tempo, come è accaduto in questi ultimi anni, raccontando ai suoi connazionali che la colpa è dei governi precedenti. Non è vero. La responsabilità è di tutti noi: governo, partiti, sindacati, società civile. Molti dei problemi che ci affliggono sono importati dall'esterno e molte leve del potere economico sono state trasferite a Bruxelles o a Francoforte. Ma esistono problemi, dalla costruzione delle infrastrutture alla riduzione della spesa pubblica, che soltanto noi possiamo affrontare e risolvere. Anche questo è un campo in cui ogni governo, senza eccezioni, si è dimostrato inferiore alle esigenze della nazione.

Oggi il Pd e il Pdl hanno la possibilità di fare, lavorando insieme, alcune delle cose di cui il Paese ha urgente bisogno per ricominciare a produrre e a crescere. I sacrifici saranno più sopportabili e gli ostacoli più facilmente sormontabili se il Paese avrà la sensazione di rispondere a un disegno nazionale, condiviso dalle due maggiori forze politiche."

DOCUMENTI di On. Vito Scalia del 14/04/2008 Documento N°28/2008


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008