PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

La politica è l'arte di impedire alla gente di inpicciarsi di quello che la riguarda (Paul Valery).

Related Posts with Thumbnails

"IL NEPOTISMO E' REATO" - Nei guai un ex sindaco e due ex assessori di Trapani
"IL NEPOTISMO E' REATO"
Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione, con una sentenza che riguarda un ex sindaco e due ex assessori di Trapani. Il verdetto della Corte ha annullato l'assoluzione emessa in 2° grado dalla Corte di Appello di Palermo, nel maggio 2006, nei confronti dell'ex primo cittadino di Trapani, Antonino Laudicina, e degli ex assessori Salvatore Bonfiglio e Giuseppe Scalabrino.

I tre politici incriminati, nel 2000, avevano approvato una delibera, con la quale avevano affidato, senza alcuna gara, il servizio di gestione degli asili nido comunali alla Cooperativa "Giustizia Sociale", che aveva assunto l'impegno, come contropartita, di assumere una cugina della mogli e del sindaco, la moglie di uno degli assessori e tutta una sfilza di fidanzate di figli e conoscenti vari. Il Tribunale di Trapani aveva condannato Laudicina a 21 mesi di reclusione, Bonfiglio a 19 mesi e Scalabrino a 14 mesi. In appello, però, i tre imputati vennero assolti perché i giudici di 2° grado ritennero che non si poteva parlare di corruzione, in quanto non c'era stato alcuno scambio di denaro.

Ma, la Procura di Palermo, fece ricorso in Cassazione, contro questa sentenza di assoluzione. La Suprema Corte ha accettato l'istanza della Procura, ha annullato la sentenza d'appello e ha ordinato un nuovo rinvio a giudizio per i tre amministratori comunali, precitati. La Corte di Cassazione, nella sua sentenza, ha spiegato che "in tema di corruzione, l'atto d'ufficio, oggetto di mercimonio, non va inteso in senso formale, in quanto deve comprendere qualsiasi comportamento che comunque violi i doveri di fedeltà, imparzialità, onestà, che devono essere osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione." Sicilia Domani prende atto, con viva soddisfazione, del contenuto della sentenza della Suprema Corte di Cassazione che "fa giurisprudenza". In troppi enti, banche, scuole, vige il sistema del "tengo famiglia", che mortifica e vanifica qualsiasi principio di meritocrazia e di rispetto della competenza e della professionalità.

Gli abusi ed il ricorso a questo deplorevole sistema familistico abbondano in ogni parte d'Italia, con particolare riferimento al Meridione del Paese. Un importante quotidiano, La Stampa, in un servizio del giornalista Zanotti, ha scritto che il primo articolo della Costituzione dovrebbe essere così modificato: "l'Italia è una Repubblica fondata sulla famiglia". Il lavoro, ormai, in molti lo ottengono così. Figli, mariti, mogli, nipoti e cugini, non importa il grado di parentela: la certezza del posto di lavoro si conquista con i legami di sangue.

Specie se politici. Valga, per tutti, il caso di Sviluppo Italia, carrozzone pubblico che, invece di chiudere baracca e burattini, ha assunto, in Calabria, decine di dipendenti, tra cui i figli dell'ex parlamentare DC, Carmelo Pujia, il figlio dell'ex consigliere regionale DS, Carlo Caligiuri, la sorella dell'ex sottosegretario e deputata azzurra, Jole Santelli. E la lista potrebbe continuare all'infinito.

La sentenza della Corte di Cassazione ha messo "punto" e, speriamo, posto fine ad una situazione mortificante ed avvilente. Ci auguriamo che il futuro conforti le nostre speranze ed il nostro augurio.

Editoriale dell'on. Vito Scalia
Documento N°22/2008 - 26/03/2008


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008