PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

Abbiamo amici che neanche sappiamo, finchè va bene ci leccano il culo. (Ligabue)

Related Posts with Thumbnails

Elezioni Politiche del 13-14 aprile 2008 - IL PASTICCIO DELLE LISTE - Commento di Salvo Sorbello
Dice bene Corrado Piccione, coscienza critica della società siciliana: quella che ci apprestiamo a vivere sarà un’altra campagna elettorale nazionale che vedrà il trionfo della partitocrazia.
Incredibile ma vero, grazie ad una legge incomprensibile, ancora una volta una dozzina di persone ha già nominato, di fatto, i novecento parlamentari. Non potranno, infatti, essere espresse preferenze dagli elettori: anzi, gli unici che hanno conservato questo diritto sono i maggiorenti nazionali dei partiti, che hanno scelto di fare diventare, a loro insindacabile giudizio, deputato o senatore Tizio o Caio. “Mai liste così modeste. Unico criterio: la fedeltà al capo” ha scritto Stefano Folli sul Sole 24 ore e critiche a questa sciagurata legge sono state mosse dalle parti più svariate, dai Vescovi a Confindustria.

L’ovvia conseguenza sarà, infatti, che i fortunati prescelti, se vorranno essere riconfermati alla successiva tornata elettorale, dovranno essere più che disponibili a subire ogni sorta di ricatto dai leader romani, sacrificando così i legittimi interessi territoriali. Non solo: saranno i fedeli cani da guardia delle scelte locali, pronti ad intervenire per bloccare qualsiasi forma di cambiamento, di rinnovamento, di rivendicazione autonomistica. Nessuno di loro deve prendersi la briga di raccogliere voti, fare campagna elettorale per la Camera ed il Senato, convincere gli italiani. Non ci sono collegi, se non pro-forma. Non c'è più alcun rapporto fra gli elettori e l'eletto. Le radici territoriali sono sempre meno importanti.

E’ incredibile come proprio i partiti che hanno predicato il federalismo nelle istituzioni, quando poi si è trattato di scelte di loro pertinenza hanno razzolato male, molto male al loro interno, con oligarchie centraliste sempre più lontane dalla necessaria legittimazione democratica di base e dalla rappresentazione degli interessi veri. Ed è triste verificare come da questo comportamento non siano immuni neppure quei partiti di area cattolica, che avrebbero dovuto essere i testimoni diretti dell’autonomismo sturziano.

È stato giustamente rilevato che questa partitocrazia è così totalizzante da fare impallidire quella, pur degenerata, dell'epilogo della prima Repubblica.
Siamo così davanti a partiti la gran parte dei quali si identificano in un uomo, il leader, il padrone, che sceglie i parlamentari a suo piacimento, decide come più gli aggrada la sorte dei dirigenti e militanti, nomina i quadri dirigenti e li licenzia quando più gli piace e considera di conseguenza gli elettori come sudditi.
E sarebbero questi i partiti che l’articolo 49 della nostra Costituzione definisce come le libere associazioni di cittadini che concorrono a determinare con metodo democratico la politica nazionale".

Salvo Sorbello, 22 marzo 2008


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008