PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

l'equità, la giustizia, la libertà sono più che parole: sono prospettive.

Related Posts with Thumbnails

LETTERE SENZA RISPOSTE: Una cafoneria o che altro?
Buona creanza impone il rispetto delle opinioni altrui fornendo ai lettori risposte il più velocemente possibile.
Ma quanti rispondono con prontezza e cortesia alle lettere?

Una lettera del 29 gennaio 2007, inviata all'estensore di un articolo, pubblicato dal quotidiano "La Sicilia" di Catania, sinora alla data odierna (21 marzo 2007) non ha avuto alcuna risposta. A rendere noto questa scortesia, o "cafoneria", è lo stesso autore, Angelo Musumeci, coordinatore del comitato cittadino priolese pro referendum contro l’impianto di rigassificazione Erg-Shell.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DELLA MISSIVA

Alla cortese attenzione
di Tony Zermo
Quotidiano la Sicilia

La decisione di scriverle questa nota da parte di Angelo Musumeci quale coordinatore di un comitato cittadino priolese pro referendum contro l’impianto di rigassificazione che la Erg/shell ora Ionio Gas s.r.l. che ha chiesto le autorizzazioni di costruirlo nella zona industriale di Priolo/Melilli/Augusta e Siracusa. Ci teniamo di farle sapere che, a questo comitato hanno dato la loro adesione formale quasi tutte le forze politiche cittadine, tra cui il circolo anatroccolo legambiente, l’associazione tutela del territorio priolese, il circolo culturale Tommaso Gargallo che fu la culla e punto di riferimento dei cittadini Priolesi che con le lotte democratiche conquistarono l’autonomia comunale nel luglio del 1979.

Le voglio ricordare che, il 5 gennaio del 2006 da un suo articolo pubblicato dal quotidiano la Sicilia, riguardante la questione dei rigassificatori e la crisi tra i paesi dell’est per la fornitura del gas all’occidente, insieme a dati che lei ha scritto su questi tipi di impianti, che nel mondo ve ne cerano 31, di cui 7 in Europa e soltanto 1 in Italia, con la richiesta di costruirne 2 in Sicilia di cui, 1 a Priolo e l’altro a Porto Empedocle, grazie a questa notizia ed insieme ad alcuni amici iniziammo a fare delle ricerche per saperne di più, cosa fossero questi impianti di rigassificazzione e quale tipo di pericolo porterebbero alle popolazioni in caso di incidente nella zona industriale. In breve tempo scrivo e faccio stampare un volantino (che ne allego copia ) distribuendolo in tutta la cittadina in modo da portare a conoscenza della pubblica opinione cosa era un impianto di rigassificazzione, chi la richiesto la sua costruzione e la sua eventuale allocazione.



Abbiamo presente che, gli impianti del petrolchimico appaiono,ormai, datati ed in continuo fuori servizio, a cui conseguono l’innalzamento del livello dell’inquinamento sopratutto dei comuni limitrofi alla zona industriale, già lo scorso 30 Aprile 2006 è accaduto l’ennesimo grave incidente causato dalla rottura di tubazioni, contenenti carburante,che provocò il conseguente scoppio ed incendio, illuminando a giorno tutta la zona industriale, con il relativo ingorgo causato dalle macchine nel tentativo di lasciare il paese, rimanendone bloccato dal caos.



L’avvio di una raccolta di 600 firme autenticate da me stesso in quanto consigliere della provincia regionale di Siracusa, questo è il numero per raggiungere la percentuale del 5% prevista dallo statuto comunale di Priolo Gargallo per indire un consiglio comunale informale, l’iniziativa di fatto costrinse la convocazione di un consiglio con una grande partecipazione di cittadini, forze politiche, sindacali, culturali e ambientali. Successivamente diamo vita al comitato cittadino pro referendum contro l’impianto di rigassificazione, da qui l’inizio di volantini informativi, comizi, interviste giornalistiche e televisive, il tutto per mettere a conoscenza degli eventuali rischi e della sua pericolosità in caso di incidente.

La decisione del comitato cittadino di una raccolta di firme per una proposta di referendum consultivo come previsto dall’articolo 31 dello statuto del comune di Priolo e della Convenzione di Arhus recepita dalla direttiva del Parlamento Europeo e dal consiglio sull’accesso alla giustizia in materia ambientale entrata in vigore il 1 gennaio 2005 e operativo in tutti gli stati -membri della CE, i cui pilastri fondati sono: accesso alle informazioni, partecipazioni del pubblico ai processi decisionali e accesso alla giustizia in materia ambientale,oltre al lgs.17/08/1998 n.334 (Seveso II ) art 14 e22.

Il comitato pur condividendo le preoccupazioni per le difficoltà della questione del gas a livello internazionale, ritenendo, però, che in questa zona industriale ormai satura di ogni forma di pericolo d’inquinamento atmosferico, terrestre e marino,non è possibile ancora insistere con discariche speciali, termovalorizzatori o altri tipi di impianti di elevato pericolo come i rigassificatori.

Dopo questa necessaria premessa le vogliamo ricordare che la zona industriale di Priolo è sito di interesse nazionale da bonificare, compreso la rada di augusta e che certamente ad inquinarla non sono stati gli uccelli a depositare mercurio nei fondali della rada di Augusta. o i pesci che tra l’altro li nascono anche malformati.

L’articolo del 15/01/2007 scritto da lei sul quotidiano la Sicilia che riporta la dichiarazione del responsabile della comunicazione di una grossa società industriale, la quale dichiara sostanzialmente che non conviene smuovere la cacca che puzza dal fondo marino.

Sarebbe opportuno che tutti i dirigenti e responsabili venissero ad abitare a Priolo con le loro famiglie a stretto contatto con ogni forma di inquinamento visibile ed invisibile in modo da capire se potessero soffrire la sindrome di Nimby. A Priolo soffriamo solo d’ inquinamento industriale che molto spesso non si capisce da quale parte provenga e da chi. Con una lettera è molto difficile spiegarle i grandi e i gravi problemi relativi al comparto della chimica e non solo, per non parlare poi dei nuovi colonizzatori italiani.

Nel concludere visto lo spessore giornalistico che lei rappresenta sarebbe per noi importante che lei ascoltasse l’altra campana e il suo suono dal vivo, inviandole i miei numeri telefonici (omissis....omissis...per privacy) convinto di un suo riscontro positivo le porgo Distinti saluti.

Il Coordinatore del comitato cittadino
Angelo Musumeci

Priolo Gargallo 29/01/07


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008