PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

In questo momento vi sono 350 persone che leggono questa notizia.

Related Posts with Thumbnails

Cinque consiglieri provinciali chiedono all'Ispettorato del Lavoro di snellire l’iter burocratico per il rilascio del curriculum lavorativo
Riceviamo e pubblichiamo per esteso un comuncato stampa inviatoci dai consiglieri della provincia regionale di Siracusa Angelo Musumeci, Enrico Lo Curzio,Vincenzo Coco, Sebastiano Cannata e Marcello Bottaro, avente per oggetto" Ritardi curriculum lavorativi ai fine di ottenere i benefici previdenziali amianto della legge 257/92, successive modifiche e integrazioni".

Alla c.a. del direttore dell’ispettorato Provinciale del lavoro di Siracusa ing. Francesco Altana.
Alla c.a. del Dirigente U.O. III Vigilanza dott. Emanuele Giaccone
Alla c.a. del Prefetto di Siracusa

Oggetto: Ritardi curriculum lavorativi ai fine di ottenere i benefici previdenziali amianto della legge 257/92, successive modifiche e integrazioni.

Le motivazioni che hanno spinto i consiglieri della provincia regionale di Siracusa Angelo Musumeci, Enrico Lo Curzio,Vincenzo Coco, Sebastiano Cannata e Marcello Bottaro di scrivere e inviare la seguente lettera sorgono dalle numerose sollecitazioni ricevute da lavoratori, pensionati e dai rappresentanti sindacali della zona industriale di Priolo-Melilli -Augusta e Siracusa in riferimento al ritardo con la quale vengono rilasciati i curriculum professionali da parte dell’ispettorato del lavoro di Siracusa. Il decreto 27 Ottobre 2004 art. 3 comma 5, prevede nel caso di aziende cessate o fallite, qualora il datore di lavoro risulti irreperibile, il curriculum lavorativo è rilasciato dalla direzione provinciale del lavoro, previe apposite indagini. A seguito della richiesta di intervento da parte del lavoratore o del pensionato attraverso il modello R. I., allegando copia del libretto di lavoro, fotocopia di un documento di riconoscimento e del codice fiscale, il tutto consegnato è compilato da un ispettore che rilascia la rispettiva copia al richiedente del modello R.I. Da qui inizia l’attesa e la spola verso l’ispettorato del lavoro e le sue interminabile file, la quale fanno rilevare che a espletare l’indagine è una sola impiegata che riceve il lunedì mattino dalle 8,30 alle 12,00. Il curriculum lavorativo è necessario per la continuazione della pratica all’ottenimento dei benefici previdenziali presentato dal richiedente all’l’INAIL che avvia il procedimento all’eventuale riconoscimento dei benefici, come previsto dal Decreto 27 Ottobre art. 3 comma 3. I consiglieri provinciali Musumeci, Lo Curzio, Coco, Cannata e Bottaro, dopo un approfondimento della legge 257 del 1992 dei successivi decreti e integrazione, assunto le relative informazione sul iter burocratico, siamo rimasti increduli nel venire a conoscenza che dopo 18 mesi, ancora i richiedenti aspettano un semplicissimo documento che si potrebbe ricavare dalla stessa documentazione rilasciata da pubblici uffici, prodotta e autocertificata dal richiedente all’ispettorato del lavoro. Inoltre questo sistema di rilascio del curriculum ha prodotto l’accumulo di centinaia di pratiche inevase. Appare incredibile che l’impiegata preposta alla istruttoria di tutte queste pratiche le possa realizzare senza supporti informatici. Richiamiamo l’ottima iniziativa da parte della prefettura di Siracusa che alcuni mesi addietro a indetto una conferenza di servizio tra gli uffici che hanno competenza, va però, riferito che questa lodevole iniziativa non ha dato l’effetto sperato per la risoluzione della problematica dei richiedenti. L’importanza di questo beneficio derivato dalla legge sull’amianto, una volta accertato consentirebbe il raggiungimento della pensione anticipata di qualche anno per molti lavoratori, creando di fatto la possibilità di nuova occupazione nella nostra provincia. A supporto del nostro ragionamento sebbene riguardi l’INAIL che ricevuto il curriculum lavorativo da parte del richiedente avvia il procedimento inviando un questionario alle aziende nella maggioranza dei casi fallite o cessate considerato che, il beneficio vale fino al 1992, le società che hanno cessato le attività non rispondono ambedue alla richiesta dell’INAIL. Come si può intuire da queste poche frasi la difficoltà per i richiedenti che iniziano in modo del tutto volontario alla ricerca dei curatori fallimentari che anche loro poco sensibili alla problematica fanno passare tanto tempo. Per quanto esposto i sottoscritti consiglieri provinciali chiedono, all’ispettorato del lavoro di Siracusa nel rispetto delle legge richiamati di volere verificare la possibilità di snellire l’iter burocratico per il rilascio del curriculum lavorativo
Per eventuale comunicazioni rivolgersi ai sottoscritti Consiglieri Provinciali.( Via Malta 106, Siracusa)
Siracusa, 21 dicembre 2006
Distinti saluti

I consiglieri della provincia regionale di Siracusa



 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008