PRIOLO

GARGALLO

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

 

  

                  

 

         

La politica e' la sottile arte di prendere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi promettendo di proteggere gli uni dagli altri (Arthur Bloch).

Related Posts with Thumbnails

Don Palmiro Prisutto si interroga senza riuscire ad avere risposte: perché sulla questione ambientale di Augusta ci sono sempre il “segreto di stato” e "fermi e decisi atti di censura"?
Pubblichiamo un interessante excursus storico redatto da don Palmiro Prisutto, e relativo alle gravissime vicende ambientali che stritolano da oltre mezzo secolo il triangolo industriale Augusta-Priolo-Melilli.

Per questa tematica chiediamo il fecondo coinvolgimento dei nostri naviganti utilizzando i Commenti per riflessioni. Grazie.

"Era il 25 luglio 1989 quando il Coordinamento delle Associazioni ambientaliste di Augusta inviava a tutte le autorità “competenti” una nota supportata dalla autorevole voce del prof. Giaccone dell’Università di Palermo e da una breve rassegna stampa degli anni anteriori in cui si stigmatizzava l’operato di una società dell’epoca che, dopo aver dragato fondali del porto di Augusta, caricava sulle bettoline i fanghi tossici e nocivi e li buttava con le stesse poco fuori della diga foranea, estendendo di fatto l’inquinamento da metalli pesanti.
L’allarme mercurio esisteva già – ne sono prova diversi studi scientifici sull’argomento -, ma la Capitaneria di porto di Augusta, con strana tempestività il 4 agosto successivo forse “obbediente a disposizioni superiori” rispondeva alle Associazioni con un “fermo e deciso atto di censura” accusandole di essere “scarsamente informate e poco serie” e di aver agito in totale correttezza nell’adempimento delle leggi e allegava alla risposta una nota dell’Istituto Sperimentale Talassografico C. N. R. di Messina in cui si parlava addirittura di un “miglioramento delle condizioni ecologiche dell’area”.



"Negli anni successivi abbiamo potuto osservare come lo smaltimento dei rifiuti nell’ambito portuale di Augusta continuava e avveniva “a norma di legge”.
Poi improvvisamente gli arresti dei dirigenti dell’Enichem, e successivamente l’“unilaterale” risarcimento alle vittime del mercurio da parte della Syndial.
Una goccia di denaro sporco (di sangue oltre che di idrocarburi) prelevato dall’oceano inquantificabile di profitti accumulati dalle aziende a danno dell’ambiente e delle persone.

"Oggi quello stesso ministero che consentiva “a norma di legge” di continuare ad inquinare scopre l’inquinamento dei fondali della rada di Augusta e prende la drastica decisione di disinquinare i fondali e di vietare per questo perfino le manovre delle navi all’interno del porto.
La notizia ha allarmato gli operatori portuali, perché, tale decisione inciderebbe pesantemente sull’occupazione.
Ad Augusta comincia già a respirarsi aria di mobilitazione insieme a quella inquinata del petrolchimico, ma sempre a difesa del posto di lavoro, non del diritto alla salute.
Se il ministero dell’ambiente ha deciso di intervenire, i motivi sicuramente ci sono. Ed anche molto gravi.
Forse dimentichiamo che ad Augusta non siamo a Minamata in Giappone, dove, per analoghi motivi, per bonificare una rada più piccola sono occorsi ben ventisette anni.

Alla luce di quello che ci è dato di sapere (perché sulla questione ambientale di Augusta c’è sempre il “segreto di stato”) probabilmente la bonifica non sarà mai fatta per motivi economici e tecnici.
Motivi economici: chi pagherà gli enormi costi della bonifica? Chi ha inquinato oppure le vittime dell’inquinamento? In Italia, si sa, il profitto è sempre privato; le perdite sono pubbliche.

Motivi tecnici: sarà mai possibile far ritornare il mare di Augusta a quel “paradiso” descritto nella “Sirena Lighea” da Giuseppe Tomasi di Lampedusa (a cui il comune di Augusta nella nuova toponomastica ha dimenticato persino di dedicargli una stradina di campagna)?
Senza illusioni di sorta si può tranquillamente prevedere che prevarranno ancora una volta le ragioni del profitto su quelle del diritto alla salute e della salvaguardia dell’ambiente.

Augusta (con Priolo e Melilli) saranno sempre più sacrificate al dio-denaro, come Marina di Melilli, di cui le giovani generazioni hanno già smarrito perfino il ricordo.
Nonostante le lotte degli irriducibili ambientalisti prima o poi arriverà l’ordine: “Evacuate, se potete”. Perché da voi dobbiamo costruire termovalorizzatori, rigassificatori, ecc.

"Mi piacerebbe se un giorno i sindaci di Augusta-Priolo-Melilli seguiti da quella parte di popolazione ancora libera di pensare, caricassero su ogni mezzo – come per un trasloco - sedie, tavoli, lettini ecc. e si piazzassero a tempo indeterminato davanti alla prefettura di Siracusa per chiedere al rappresentante del governo: “Indicateci dove dobbiamo trasferirci” perché la nostra presenza è incompatibile col progresso.

"Le alghe ed i pesci del porto megarese lo hanno già capito, da tempo. Ma tanti di essi, purtroppo, non sono riusciti a scappare in tempo.

Augusta, 12 settembre 2006
Sac. Prisutto Palmiro"

categoria ambiente


 

 

 

© 2001-2008 Salvo Maccarrone
stats
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

Nuova Paura a Priolo per l'ennesimo
BOTTO ERG
13 ottobre 2008
Botto Erg del 13 ottobre 2008
 
NO all'anonimato
No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

Statistiche

 

statsGoogle2008